lunedì 30 dicembre 2013

Corte dei Venti: un vino giramondo

I bottiglioni disegnati da Sergio Nardoni trovano nel vino unico di Clara Monaci il loro habitat naturale, e vengono apprezzati alle migliori manifestazioni enologiche.
Il vino di Corte Dei Venti, azienda ilcinese di Clara Monaci, vengono fuori da un 2013 di riscontri molto positivi, frutto di numerosi assaggi internazionali e della vincente idea di unire vino ed arte. I bottiglioni che vedete in foto infatti, sono completamente dipinti a mano dall’artista Sergio Nardoni, che Clara Monaci conosce per caso a Villa Sirio (Santa Maria di Castellabate), dove l’artista stava dipingendo la hall: sia lei che la figlia rimasero incantate dalla sua arte, ne nacque una piacevole amicizia e, da una battuta, l’idea di dipingere le bottiglie in formato maxi. Così il vino unico di Corte dei Venti si sposa con la raffinata la arte di Nardoni e inizia a girare il mondo.

L’azienda infatti, solo negli ultimi 12 mesi si è fatta conoscere e apprezzare a New York, Los Angeles, in Canada e a Dusseldorf (per il Proweine), senza dimenticare la preziosa esperienza del Buy Wine in Fortezza da Basso a Firenze, del Benvenuto Brunello a Montalcino, e dei prossimi appuntamenti di Bruxelles ed Amsterdam. Ma i bottiglioni - tutti accomunati dallo stesso tema “amore e paradiso” – non viaggiano da soli, bensì in buona compagnia, con le bottiglie classiche di Corte dei Venti: un Brunello di Montalcino, un Sant’Antimo Doc e un Rosso di Montalcino, tutti vini sinceri, legati al territorio, e sobri. Clara Monaci, continuamente impegnata a far conoscere i propri prodotti nel mondo, sarà presente a varie manifestazioni durante tutto il 2014, ad iniziare da Vinitaly, dove al Pad. 9 Stand B8 Interno 55 troverete gli splendidi bottiglioni dipinti, che oltre a regalare le emozioni del vino, regalano la suggestione dell’arte.

Nessun commento:

Posta un commento